Warning: Illegal offset type in /home/iz4bzc/ben.br1.net/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/sitepress.class.php on line 5354
La navigazione astronomica in una palla di Natale | Gianluigi Conti (Ben) IZ4BZC

La navigazione astronomica in una palla di Natale


Warning: Illegal offset type in /home/iz4bzc/ben.br1.net/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/sitepress.class.php on line 5354

Warning: Illegal offset type in /home/iz4bzc/ben.br1.net/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/sitepress.class.php on line 5354

pallina-di-nataleMolti di voi, una volta appresi i rudimenti della navigazione astronomica, si saranno chiesti come spiegare ad altri la meccanica celeste e la relazione fra le coordinate terrestri e quelle astronomiche. Ma che cosa c’entra questo con il Natale?
È proprio in questo periodo dell’anno che, girando a fare shopping nei mercatini del fai da te, avrete visto una serie di palline di Natale da decorare con vari materiali che a me hanno fatto venire in mente, manco a dirlo, un metodo per spiegare meglio i sistemi di coordinate che entrano in gioco quando si spiega la navigazione astronomica.

Ho pertanto acquistato il materiale che potete vedere in figura 1, una palla trasparente in plastica di grandi dimensioni, una palla più piccola in polistirolo ed uno spiedino di legno che a dire la verità avevo già in casa.
Lo scopo del lavoro è di costruire un modello tridimensionale del globo terrestre e della sfera celeste.
A questo punto l’operazione più difficile che è quella di infilzare la nostra palla globo terrestre con lo spiedino di legno a simulare l’asse di rotazione del pianeta come in figura 2 cercando di attraversare la palla al centro esatto. All’inizio non è facile andare dritto, ma dopo un paio di tentativi ed aiutandosi con i segni lasciati dallo stampo sulla palla di polistirolo tutto risulta più facile. Gli stessi segni che con l’aiuto di un po’ di spilli e di filo da cucire ci aiuteranno a tracciare con un pennarello il meridiano di riferimento (Greenwich) ed il suo opposto (la linea del cambio di data) e l’equatore come potete vedere nelle figure 3, 4 e 5.
Poi possiamo preparare la palla di plastica trasparente che simulerà la sfera celeste praticando i fori per far passare lo spiedino che simula l’asse terrestre come si vede in figura 6. Per non far scivolare la sfera piccola lungo l’asse all’interno della sfera più grande, ho incollato due perline di legno alla giusta distanza ed ho preparato una piccola barchetta di carta da fissare con uno spillo di volta in volta nelle posizioni desiderate a simulare le varie situazioni di posizione in cui ci si può trovare come si vede in figura 7.
Ora non resta che racchiudere la palla piccola nella palla trasparente più grande e completare il lavoro tracciando sulla sfera celeste, il meridiano di Ariete e l’equatore celeste, la nostra terra ruotando al suo interno ci mostrerà le varie situazioni in cui ci si viene a trovare per calcolare l’angolo orario locale conoscendo il tempo sidereo di Greenwich (GHA), la coascensione retta e la declinazione dell’astro, insieme naturalmente al nostro punto nave stimato. In figura 8 potete vedere il modellino finito che potrebbe anche non sfigurare sull’albero di Natale di un navigatore astronomico. Buon divertimento ed auguri!

Similar Posts:

Share