Warning: Illegal offset type in /home/iz4bzc/ben.br1.net/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/sitepress.class.php on line 5354
La corsa al GPS, chi vincerà? c’è anche il GPS con gli occhi a mandorla | Gianluigi Conti (Ben) IZ4BZC

La corsa al GPS, chi vincerà? c’è anche il GPS con gli occhi a mandorla

Sembra che il cielo sopra di noi sarà addirittura inflazionato nei prossimi anni dai sistemi dedicati al radioposizionamento o come sono meglio conosciuti da tutti, dai sistemi GPS.
Quando pensiamo al sistema GPS, raramente siamo consci che il sistema da noi utilizzato largamente per molti servizi, è solo uno dei sistemi nazionali sviluppati o in corso di sviluppo per questi impieghi.
Anche se il sistema più utilizzato rimane quello americano denominato Navstar, non dobbiamo dimenticare che, ad esempio per l’aviazione civile viene spesso usato il sistema GLONASS basato su una constellazione di satelliti russi.
Come molti sanno anche l’Europa si è lanciata con un suo progetto denominato Galileo, la cui entrata in servizio è prevista per il 2013 e che sarà costituito da una costellazione di trenta satelliti con prestazioni, affidabilità e precisione superiori a quelle degli attuali sistemi.
Sono senz’altro meno numerosi coloro che sanno di un altro progetto di iniziativa cinese che ha visto il lancio del suo quinto satellite il 31 Luglio scorso e che prenderà il nome nazionale di Beidou o Compass navigation system.

Un missile Long March 3A sulla rampa di lancio


Tale sistema, il cui lancio è iniziato nel 2000 coprirà entro il 2012 la Cina ed i paesi limitrofi ed infine a partire dal 2020 garantirà con 35 satelliti una copertura globale. La sostanziale differenza rispetto ai sistemi esistenti, sarà l’utilizzo di satelliti geostazionari, riducendo così il numero di satelliti necessari ad ottenere un elevato grado di precisione anche se per ottenere comunque una copertura globale, saranno poi necessari più satelliti.

Similar Posts:

Share