Warning: Illegal offset type in /home/iz4bzc/ben.br1.net/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/sitepress.class.php on line 5354
QuickScat e grib file, venti e meteorologia marina | Gianluigi Conti (Ben) IZ4BZC

QuickScat e grib file, venti e metereologia marina

quickscat20091123-640_0È del 23 novembre scorso la notizia dal sito della NASA, che il satellite QuickScat non sarà più in grado di svolgere il suo compito principale che è quello di valutare la situazione meteorologica sui mari di tutto il mondo per un guasto al sistema di brandeggio dell’antenna dello strumento detto scatterometer.

Il satellite era stato lanciato il 19 giugno 1999 ed ha quindi ampiamente superato il periodo di vita utile per cui era stata progettata l’antenna dello strumento principale di cui è dotato che era previsto essere di cinque anni.

Resta il fatto che ora il sistema di previsioni e di allertamento meteorologico marino soffrirà della mancanza di questo prezioso strumento, anche se altri satelliti si sono aggiunti nel tempo a questo progetto. In particolare potrebbe soffrirne la precisione con cui vengono generati i grib file tanto preziosi a tutti quei naviganti che utilizzano questa risorsa per la stima e la previsione dei venti sulle zone di navigazione frequentate. Una buona ragione per diventare noi stessi dei migliori previsori e per frequentare un corso di meteorologia marina.

A quanti non fossero familiari con questo tipo di risorsa meteorologica, ricordo che i grib file sono file di testo di dimensioni estremamente contenute che possono essere interpretati ed utilizzati da programmi di visualizzazione gratuiti come Ugrib per coloro che utilizzano ancora per qualche ragione virtuale Windows oppure zyGrib per coloro che usano Linux. Questi file vengono utilizzati in sovrapposizione alla cartografia elettronica vettoriale anche all’interno di costosi software di navigazione come MaxSea. Le dimensioni compatte di questi file li rendono molto adatti ad essere ricevuti da bordo di una piccola imbarcazione da diporto tramite sistemi di posta elettronica basati sulla comunicazione a banda stretta con ricetrasmettitori SSB come Sailmail o PSKmail.

Similar Posts:

Share